ROMA – Ancora guai per l’Atac, il servizio di trasporti pubblico di Roma. L’Antitrust ha avviato un’istruttoria di ufficio a novembre, studiando il periodo che va dal 2010 al 2016, ed è emersa una pratica commerciale scorretta. Molte corse sono state soppresse, esclusivamente per motivi riconducibili all’azienda, senza avvisare i consumatori. L’Atac dovrà pagare una multa di 3,6 milioni di euro. Nel mirino le direttrici Roma-Ostia, Roma Viterbo, Roma-Pantano.

Nel comunicato l’Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato spiega che “le evidenze dimostrano che tali soppressioni sono dipese in larga misura da motivi riconducibili a dirette responsabilità di Atac che, in tal modo, ha falsato le aspettative degli utenti/consumatori e le loro decisioni relative alla mobilità quotidiana, in particolare di tipo pendolare, basate sugli orari e le frequenze del servizio atteso da Atac secondo appunto quanto indicato nell’Orario Ufficiale”.

L’Autorità si è avvalsa della collaborazione del Nucleo Speciale Antitrust della guardia di finanza e ha tenuto conto del parere reso dall’Art (Autorità Regolazione Trasporti) oltre a quello di Agcom sul mezzo di diffusione.

Le condotte scorrete di Atac “sono state sanzionate in quanto ingannevoli e omissive, in violazione degli articoli 20, 21 e 22 del Codice del Consumo, applicando una sanzione di 3 milioni e 600mila euro, misura ridotta tenuto conto della situazione economica disagiata dell’azienda”.

Lascia un commento

Name and email are required. Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.