scheda_elettorale_roma_repubblica_metro-300x200ROMA – “Repubblica Romana” e “Dimezziamo lo stipendio ai politici”, e poi “Italia Reale” (con tanto di corona) e “Fronte Giustizialista”. Sono solo alcuni dei nomi delle 40 liste, con relativi simboli, che i romani troveranno nelle “schede lenzuolo” domenica e lunedì al seggio elettorale dove andranno a votare per scegliere il loro prossimo sindaco.

Un profluvio di nomi e simboli, e di candidati, che ha dato vita ad una scheda da guinness che sfiora i 120 cm di lunghezza e che raccoglie il meglio della fantasia nostrana insieme alla politica più dubbia ed improbabile. Candidati e liste che, tutti o quasi, chiuderanno la loro campagna elettorale con una qualche manifestazione pubblica venerdì (24 maggio), con relativo ed inevitabile ingorgo e congestionamento della città eterna.

Domenica e lunedì prossimi, 26 e 27 maggio, i romani sceglieranno il prossimo primo cittadino. Nella capitale, come nel resto delle località chiamate al voto (leggi: Comunali 2013, dove come e quando si vota), i seggi saranno aperti dalle 8 alle 22 di domenica e dalle 7 alle 15 lunedì. Due saranno le schede che riceveranno al seggio: una, azzurra, per la scelta del sindaco con relative liste, e un’altra, rosa, per la scelta dei presidenti dei municipi e annessi consiglieri.

Tre i possibili modi per votarePrimo: barrando il simbolo di una lista, e indicando o meno i nomi di uno o due (a patto che siano di sesso differente, la famosa doppia preferenza introdotta per aumentare la presenza femminile) consiglieri comunali. In questo modo il voto andrà automaticamente anche al candidato sindaco della lista scelta.

Secondo, aggiungendo al suddetto simbolo segnato una croce anche su un candidato sindaco differente da quello abbinato alla lista scelta. E’ questo il caso del voto disgiunto.

Terza, ed ultima possibilità, quella di votare solo il candidato sindaco, barrando il nome che si preferisce, senza così dare il voto a nessuna lista. In caso nessuno dei candidati raggiungesse al primo turno il 50% più uno dei voti totali, i due candidati più votati andranno al ballottaggio, che si terrà domenica 9 e lunedì 10 giugno prossimi.

Arrivati al seggio i romani si vedranno consegnare quella che è già stata definita la scheda “monstre”. Definizione affibbiatagli per le dimensioni, ben 117 cm di lunghezza, ma che ben si addice anche al suo contenuto. Diciannove candidati sindaci e quaranta liste a questi collegate dove, ai candidati e ai simboli più noti, seguono nomi semisconosciuti e simboli talvolta improbabili.

Scorrendo da destra a sinistra si incontra il candidato Edoardo De Blasio e la sua lista “Liberiamo (con ‘amo’ in rosso) Roma”. Poi Sandro Medici sostenuto, tra gli altri, dalla lista “Repubblica Romana”. Subito sotto “Militia Christi” con il suo simbolo con l’ancora e il suo candidato Armando Mantuano.

A seguire l’ormai noto Alfonso Luigi Marra, candidato di “Dimezziamo lo stipendio ai politici”, “Lista dei Grilli”, “Forza Roma”, “La Zampa” (con tanto di impronta di cane) e altri. Segue poi un’infornata di candidati “monolista”, 6 per l’esattezza, prima di arrivare al sindaco uscente Gianni Alemanno collegato, tra le altre, alla lista “Azzurri Italiani”. Poi Matteo Corsini di “Roma Risorge” e Angelo Novellino della già citata “Italia Reale”.

E’ quindi la volta del candidato 5 Stelle Marcello De Vito e, poco distante, Ignazio Roberto Maria Marino. Infine “Forza Nuova”, le due liste collegate ad Alfio Marchini e, in chiusura, il candidato di “CasaPound”Simone Di Stefano.

La giornata più nera potrebbe essere però per i romani l’antivigilia del voto: il venerdì in cui tutti o quasi i candidati chiuderanno le loro campagne elettorali e con queste chiuderà, in pratica, anche Roma, stretta tra le mille iniziative che comporteranno ingorghi, blocchi del traffico, deviazioni di autobus e altre scomodità varie per chi nella città eterna, oltre a votare, magari ha la sfortuna di lavorare.

Il candidato del Pd Ignazio Marino, ad esempio, sarà in piazza San Giovanni dalle 17.30, con tanto di attori e cantanti sostenitori che si alterneranno sul palco sino a sera inoltrata. Cantanti e comici anche perAlfio Marchini, sarà al fianco del costruttore romano ad esempio Antonello Venditti, che si esibirà nella manifestazione organizzata dalle 18,30 a parco Schuster.

Piazza del Popolo è invece la location scelta dal MoVimento 5 Stelle e, alla serata, dovrebbe partecipare anche Beppe Grillo. Solo a poche centinaia di metri si concluderà la campagna elettorale di Gianni Alemanno che vedrà al suo fianco, nella splendida cornice del Colosseo e dell’Arco di Costantino, assegnati con relative polemiche, niente poco di meno che Silvio Berlusconi in persona. Si comincia, in questo caso, alle 17,00.

A via Cola Di Rienzo ci sarà poi il comizio di Di Stefano di CasaPound e, a Campo de’ Fiori, quello di Alessandro Bianchi di Progetto Roma. Comizi anche a Santa Maria Maggiore, Militia Christi, e Santa Maria in Trastevere, Repubblica Romana. Chi può, è meglio che lasci l’auto a casa, a patto che non sia parcheggiate in una di quelle aree che nella mattinata di venerdì dovranno essere sgombre per le manifestazioni del pomeriggio ovviamente.

BlitzQuotidiano

Lascia un commento

Name and email are required. Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.