rosaria_aprea-300x2241CASERTA –  ”Lo amo da morire” ripetePicchiata e presa a calci dal compagno per gelosiaRosaria Aprea però dopo aver rischiato la vita – lunedì scorso ha subito l’asportazione della milza a causa delle botte prese – adesso vuole perdonare il compagno Antonio Caliendo:

“Non voleva farmi male. Ci amiamo e non vedevamo l’ora di andare a vivere insieme con nostro figlio”. L’amore, nonostante la “follia” del ragazzo Antonio Caliendo. All’addome hanno dovuto operarla due volte in poche ore: prima per asportarle la milza e poi per fermare una emorragia interna che se, fossero passati ancora pochi minuti, avrebbe potuto ucciderla.

Solo qualche giorno fa Rosaria si sfogava: “No, non ci torno assieme. Non lo odio, provo rabbia.

Solo qualche giorno fa Rosaria raccontava: “Antonio non voleva che uscissi di casa senza di lui perché era geloso, abbiamo discusso, poi è  passato subito alle vie di fatto. Mi ha colpita più volte, poi è arrivato quel calcio più forte alla pancia”. Amore, amore criminale. Femminicidio. Dov’è il confine? Quando si può perdonare e quando no?

Adesso Rosaria vuole perdonarlo: “Sto male al pensiero che sia rinchiuso in carcere. Non voglio che Antonio resti ancora lì dentro. Lo so che non si è reso conto di quello che mi ha fatto e voglio tornare con lui”. “Lo amo da morire” ripete. E forse è vero.

Non è la prima volta che Rosaria è pronta a perdonare Antonio. Delle numerose aggressioni raccontate agli inquirenti, solo in un caso la ragazza ha presentato denuncia per lesioni nei confronti del compagno: fu a Pesaro nel 2011, durante un concorso di bellezza cui stava partecipando. “Lo amo da morire” continua ad urlare e a ripetere Rosaria.

BlitzQuotidiano

Lascia un commento

Name and email are required. Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.