stefano_cucchi_fb-211x300 (1)ROMA – Condannati i medici, assolti gli infermieri e gli agenti. E in Aula scoppia la contestazione con i familiari che urlano: “assassini”. E’ la sentenza di primo grado per il processo sulla morte di Stefano Cucchi.

Dopo 7 ore di Camera di Consiglio i giudici hanno deciso per la colpa solo dei medici, e in misura molto inferiore alla richiesta dell’accusa: due anni contro i sei richiesti dai pm. A quel punto scoppia la rabbia e la disperazione di parenti e amici di Cucchi:“Assassini, questa non è giustizia!”. 

Cinque medici su sei sono stati condannati per omicidio colposo. Sono il primario Aldo Fierro a due anni, i medici Stefania Cordi, Flaminia Bruno, Luigi De Marchis e Silvia Di Carlo a un anno e 4 mesi. Rosita Caponetti a otto mesi per il reato di falso ideologico.

I tre agenti penitenziari sono stati assolti con la formula che ha sostituito la vecchia insufficienza di prove mentre i tre infermieri sono stati assolti con formula piena. Di fatto, con questa sentenza, si stabilisce che la morte di Cucchi fu poco più che un episodio di malasanità: Stefano è morto solo perché non è stato curato a dovere. Giudicate ininfluenti, quindi, le percosse subite durante la detenzione dal ragazzo.

Il pm aveva contestato ai sei medici e ai tre infermieri tra l’altro il  reato di abbandono di incapace e  aveva chiesto per i medici pene tra i 6 anni e 8 mesi e i cinque anni e mezzo mentre per gli infermieri 4 anni ciascuno. Per gli agenti penitenziari aveva chiesto due anni di reclusione.

Al momento della lettura della sentenza Ilaria Cucchi, sorella di Stefano, è scoppiata in lacrime: ”Io non mi arrendo. Giustizia ingiusta”, le sue prime parole.

La vittima – Stefano Cucchi, 31 anni, geometra di Roma. Il 22 ottobre 2009 Cucchi viene arrestato per possesso di droga. Ma qualcosa va storto: il ragazzo viene picchiato in camera di sicurezza, viene ricoverato in ospedale e muore. La famiglia di Cucchi, per denunciare l’accaduto, decide di pubblicare le foto del corpo del giovane, magrissimo e tumefatto. Secondo una delle perizie il ragazzo morì di fame e sete e i medici non fecero abbastanza per salvarlo. Restano però i segni della violenza: le tumefazioni e lalesione alla colonna vertebrale causata da un calcio.

Gli imputati – Alla sbarra c’erano sei medici del ‘Pertini’ (Aldo Fierro, Silvia Di Carlo, Stefania Corbi, Luigi De Marchis Preite, Rosita Caponetti e Flaminia Bruno), tre infermieri della stessa struttura sanitaria (Giuseppe Flauto, Elvira Martelli e Domenico Pepe)’ e tre agenti della Polizia penitenziaria (Nicola Minichini, Corrado Santantonio e Antonio Domenici).

Le accuse. A vario titolo e a seconda delle posizioni, sono accusati di abbandono di incapace, abuso d’ufficio, favoreggiamento, falsita’ ideologica, lesioni ed abuso di autorita’.    Per l’accusa (che ha chiesto pene comprese tra i sei anni e otto mesi di reclusione e i due anni), Stefano Cucchi fu picchiato nelle camere di sicurezza del tribunale in attesa dell’udienza di convalida, caddero nel nulla le sue richieste di farmaci, e in ospedale praticamente fu reso incapace di provvedere a se stesso e lasciato senza assistenza, tanto da portarlo alla morte.

BlitzQuotidiano

Lascia un commento

Name and email are required. Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.