quattordicenne suicidaTORINO Otto minorenni, tra i 15 e i 17 anni, sono stati indagati nell’ambito dell’inchiesta sul suicidio della quattordicenne che lo scorso gennaio si tolse la vita lanciandosi dal balcone di casa. Sono accusati, a vario titolo, di istigazione al suicidio e detenzione di materiale pedopornografico.

La svolta nell’inchiesta della Procura dei Minori di Torino, condotta dal pm Valentina Sellaroli, a quasi cinque mesi dal suicidio, che scateno’ la rabbia di amici e parenti. Secondo loro la ragazzina era stata vittima sui social network di non meglio precisati ”bulli”. Poche ore prima di togliersi la vita, la giovane aveva partecipato a una festa e poi era tornata a casa, a Sant’Agabio (Novara), accompagnata dal padre.

Nessuno tra gli amici, ascoltati dagli investigatori, noto’ qualcosa di strano. Qualche ora dopo, pero’, il terribile volo dal balcone al terzo piano. Formalmente, la decisione di indagare i minori sarebbe stata presa per effettuare una serie di attivita’ investigative non ripetibili. E’ stato infatti affidato al Politecnico di Torino l’esame dell’iPhone della ragazza, per analizzarne il contenuto.

Ansa.it

Lascia un commento

Name and email are required. Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.