soldi1ROMA – Il Fisco chiama in cassa dopo una breve pausa estiva. L’ultima scadenza è stata infatti il 9 agosto scorso con il versamento dell’imposta di bollo. Ma martedì prossimo, 20 agosto, arriva la “valanga”. Sono infatti ben 262 le scadenze per i contribuenti: 258 versamenti diversi, una comunicazione e 3 adempimenti contabili. Insomma un mare nel quale districarsi.

Ecco alcune delle scadenze principali in particolare per le persone fisiche:

– Versamento della terza rata dell’Irpef relativa ai maggiori ricavi o compensi indicati nella dichiarazione dei redditi,con applicazione degli interessi nella misura dello 0,42%

– Persone fisiche titolari di partita Iva che rateizzano e che hanno effettuato il primo versamento entro il 17 giugno: versamento terza rata primo acconto 2013 e saldo 2012 dell’Irpef

– Persone fisiche titolari di partita Iva che rateizzano e che hanno effettuato il primo versamento entro il 17 giugno: terza rata acconto Irpef sui redditi soggetti a tassazione separata da indicare in dichiarazione e non soggetti a ritenuta alla fonte

– Persone fisiche titolari di partita Iva soggette agli studi di settore che rateizzano e che hanno effettuato il primo versamento entro l’8 luglio: versamento terza rata primo acconto 2013 e saldo 2012 dell’Irpef

– Soggetti che si adeguano alle risultanze degli studi di settore nella dichiarazione dei redditi e nella dichiarazione Irap che hanno scelto il pagamento rateale ed hanno effettuato il primo versamento entro l’8 luglio. Versamento della terza rata dell’Irap relativa ai maggiori ricavi o compensi indicati nella dichiarazione dei redditi, con applicazione degli interessi nella misura dello 0,42%.

– Cedolare secca per le persone fisiche soggette agli studi di settore: versamento saldo 2012 e primo acconto 2013. – Versamento dell’Iva dovuta per il secondo trimestre (maggiorata dell’1% ad esclusione dei regimi speciali)

– Versamento, in unica soluzione o come prima rata, dell’Ires, a titolo di saldo per l’anno 2012 e di primo acconto per l’anno 2013, con la maggiorazione dello 0,40% a titolo di interesse corrispettivo

– Per chi è soggetto agli studi di settore versamento della terza rata dell’Irap relativa ai maggiori ricavi o compensi indicati nella dichiarazione dei redditi, con applicazione degli interessi nella misura dello 0,42%

– Versamento dell’imposta sostitutiva applicata su ciascuna plusvalenza realizzata nel secondo mese precedente (regime del risparmio amministrato).

art su blitz

Lascia un commento

Name and email are required. Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.