ASM_TERNITERNI – C’è fibrillazione nel mondo sindacale per l’annuncio di 40 assunzioni all’Asm. Il segretario generale della funzione pubblica Cgil, Giorgio Lucci, in particolare si domanda se si tratta di un investimento concreto sul personale o se di una promessa elettorale.
“Da circa 3 anni Asm si avvale di una decina di contratti interinali e di alcune cooperative sociali per avere quel minimo di organico necessario a garantire l’ efficienza nel delicato settore del servizio di raccolta rifiuti – dice Lucci – Come Funzione Pubblica Cgil da tempo abbiamo chiesto, sollecitato, e manifestato sia alla Direzione di Asm che al Comune di Terni l’ importanza di procedere quanto prima ad un percorso di assunzioni tramite bando di concorso. Per un motivo o per l’ altro nel corso degli anni l’ annunciato concorso pubblico è rimasto solo una promessa o un “irrealizzabile desiderio”.
La Cgil ricorda che già alla vigilia delle elezioni amministrative il sindaco si era impegnato a favorire le procedure concorsuali. “Vogliamo sperare – dice Lucci – che questa volta l’ impegno annunciato dal Presidente di Asm sia avulso da ogni condizionamento dalle imminenti elezioni regionali, e si concretizzi quanto prima. Registriamo anche con grande soddisfazione l’ entità dei posti ammessi al concorso che sono circa 4 volte superiori a quelli che fino a poco tempo fa sembravano possibili”.
La Funzione Pubblica della Cgil coglie l’occasione per ribadire la contrarietà “a una eventuale privatizzazione di una Azienda che se sostenuta negli investimenti può generare servizi e utili per la comunità. Riteniamo anche essenziale che Asm garantisca l’ applicazione del Contratto Collettivo di riferimento, evitando il ricorso ad agenzie interinali o a contratti di multi servizi, che non garantiscono equità di diritti e retribuzioni tra operatori impiegati nelle stesse mansioni”.
Il segretario Lucci ricorda inoltre che “Asm, in un raggruppamento temporaneo di importanti imprese del territorio, è vincitrice di un bando di gara della durata di 15 anni volto a garantire la raccolta differenziata nella Provincia. Da circa un anno queste imprese stanno garantendo il mantenimento del servizio e sono creditrice di importanti somme economiche dai Comuni della Provincia, chiediamo anche al Comune di Terni come capo fila dell’ Ati di adoperarsi per il saldo di questi debiti che potrebbero garantire ad Asm liquidità da investire, in risorse strumentali e umane”.

Lascia un commento

Name and email are required. Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.