violenza3TERNI Violenze di ogni tipo. Rapporti sessuali imposti. Botte. Insulti. Anche davanti alle figlie minorenni. Nella mattinata di venerdì 23 agosto, i carabinieri di Terni hanno eseguito l’ordinanza di misura cautelare di “allontanamento dalla casa familiare, del divieto di avvicinarsi ai luoghi frequentati dalle persone offese e di comunicare con qualsiasi mezzo con le stesse” a carico di un 49enne albanese, operaio, pregiudicato, da tempo residente a Terni, per maltrattamenti in famiglia e violenza sessuale nei confronti della moglie.

Botte e insulti davanti alle figlie La donna, casalinga, anch’essa di origine albanese, nell’arco di 12 anni, tra il 2001 e il 2013, ricostruiscono i militari, è stata oggetto di continue vessazioni, minacce e violenze sia fisiche che psicologiche, anche in presenza delle due figlie minorenni, da parte del marito che la costringeva anche ad avere rapporti sessuali non protetti al fine dichiarato di avere altri figli.

Trova la forza di denunciarlo La donna, dopo anni di persecuzioni, ha trovato il coraggio di denunciare il marito ai carabinieri che, a conclusione dell’attività d’indagine, hanno chiesto alla competente autorità giudiziaria l’emissione dell’ordinanza cautelare, eseguita questa mattina.

Corriere dell’ Umbria

Lascia un commento

Name and email are required. Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.