zona polymerTERNI “Dipende, da che dipende, da che punto guardi il mondo tutto dipende…”, cantava nel suo spagnolo Jarabe de Palo. E sì, dipende dalla propria visione del mondo e filosofia di vita.
Dal modo in cui ci si rapporta alle cose, oltre che alle persone, dipendono gli esiti, gli effetti, diversi, contrapposti, che ne scaturiscono, in modo più o meno visibile nel contesto in cui si vive, nel territorio. Così mentre molti pensano di gettare gli scarti dell’edilizia – siano le stesse ditte, siano i cittadini, stanchi di vecchie rimanenze nella propria cantina – qua e là dove capita, lungo il ciglio della strada, nelle aree verdi, nei parcheggi, nei piazzali più nascosti, accanto ai cassonetti della raccolta differenziata.
Altri, non solo più rispettosi, ma sicuramente anche più creativi, si industriano a recuperare proprio quegli scarti, ad esempio le vecchie mattonelle rotte, per restituire loro nuova vita, creandovi originali e divertenti superfici – una sorta di mosaico low cost – per tavolini, sedie, decorazioni per piani di lavoro in muratura per cucine, come rifiniture nei bagni e molto altro ancora.

Notizia integrale nel Corriere dell’Umbria del 9 settembre

Lascia un commento

Name and email are required. Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.