ast portineriaTERNI Torna a esprimere il suo pensiero la multinazionale finlandese Outokumpu, dopo la manifestazione che era nata per salvaguardare il sito di viale Brin e lo fa attraverso un comunicato stampa su internet.  “In conformità con gli impegni assunti con la Commissione europea nel contesto della fusione con Inoxum Outokumpu continua a perseguire la cessione di Ast. In un contesto difficile per il settore acciaio europeo Outokumpu ha mantenuto un dialogo attivo con la Commissione europea, il governo italiano e le istituzioni locali di Terni per facilitare il disinvestimento dell’Ast nel più breve tempo possibile. Come comunicato nel mese di aprile nella relazione di Outokumpu sui risultati del primo trimestre 2013, la timeline per il disinvestimento di Terni è stata estesa. Le condizioni delle offerte Outokumpu ha ricevuto finora non sono stati soddisfacenti. Outokumpu continua a lavorare intensamente con tutte le parti per fornire una soluzione il più veloce possibile. Al fine di preservare la competitività e la redditività di Ast durante il periodo precedente la cessione Outokumpu ha accettato, su richiesta della Commissione europea di attuare una serie di ulteriori misure di salvaguardia. Mentre le operazioni giorno per giorno di Ast non sono controllate da Outokumpu, tali garanzie sono intese a garantire che i risultati finanziari di Ast e la capacità di continuare a fare affari non vengano negativamente influenzati dal processo di dismissione in corso. La gestione Ast rimarrà invariato e continuerà a lavorare con il fiduciario di controllo nominato dalla Commissione per sorvegliare il processo di disinvestimento. Ast continuerà ad utilizzare la stessa rete europea centro di servizio come prima. Ast continuerà inoltre a fornire Tubificio di Terni, con i suoi prodotti in regime pre-esistenti. Inoltre, Outokumpu ha già permesso ad Ast di utilizzare il centro servizi di Willich per commercializzare i suoi prodotti unici in Germania e su suggerimento della Commissione Ast garantirà anche la fornitura di prodotti standard per questo centro servizi in modo che la portata in Europa di Ast continuerà ad espandersi. Inoltre Ast continua a fornire volumi significativi alle strutture estere di Outokumpu. Dopo un dialogo costruttivo con il management Ast e la Commissione, Outokumpu ha anche rafforzato la posizione patrimoniale di Ast e il potere di continuare il suo programma di investimenti 2013. Questo in aggiunta ai 400 milioni di euro di investimenti realizzati negli ultimi cinque anni. Inoltre, prima della cessione, Outokumpu continuerà a finanziare completamente Ast attraverso la disposizione di cash pool che Ast godeva prima che la cessione fosse stata annunciata. Nonostante le condizioni di mercato molto difficili, la performance finanziaria di Ast è migliorata nell’ultimo quarto segnalato (gennaio-marzo 2013). Si tratta di uno sviluppo incoraggiante considerando il difficile contesto economico in Europa, e soprattutto in Italia. Mentre la situazione economica resta difficile, Outokumpu ritiene che Ast possa mantenere e rafforzare la propria posizione e ha piena fiducia nella capacità di gestione di condurre l’Ast attraverso queste difficili condizioni di mercato”.

TerniMagazine

Lascia un commento

Name and email are required. Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.