pendolariVITERBO Ancora caos trasporti a Roma, a pochi mesi dal Giubileo. Dopo la disavventura dei passeggeri della Roma-Lido fatti evacuare in una galleria sui binari, oggi è toccato ai pendolari della Roma-Viterbo, costretti a scendere sui binari per il sovraffollamento alla stazione Flaminio, nel cuore della Capitale.

A denunciare i disagi sono gli stessi utenti sul gruppo Facebook del Comitato Pendolari della Ferrovia Roma Nord. “E’ una cosa vergognosa”, scrivono gli utenti commentando le foto dei passeggeri che attraversano i binari per raggiungere i marciapiedi verso l’uscita.

Otto corse saltate tra le 6 e le dieci di mattina sulla Roma-Viterbo.Questo denunciano i pendolari postando sui social lo screenshot dell’annuncio dell’Atac delle corse soppresse, quattro da Piazzale Flaminio e quattro da Montebello. Questo avrebbe determinato il caos alla stazione Flaminio perchè i passeggeri sono arrivati in gran parte su un unico convoglio e hanno invaso la stazione attraversando i binari. “Gli utenti sono costretti ad attraversare pericolosamente i binari per uscire dalla stazione di Flaminio quando arrivano a Roma e la vigilanza come al solito assente”, dicono dal Comitato Pendolari Roma nord. Per i pendolari la colpa è anche del nuovo orario della linea. “Il nuovo orario in vigore da meno di una settimana si sta confermando come il funerale della Roma nord perché disincentiva l’uso del treno -tuonano i pendolari- siamo danneggiati da un servizio pubblico che invece di mettere al centro noi e le nostre esigenze ci relega a semplice comparsa. Da quando è in vigore questo maledetto orario le consolari in ingresso Flaminia e Cassia sono bloccate dalle 7 di mattina e questo perchè gli utenti prendono l’auto perché non si fidano più del treno”. “Ogni giorno sono soppresse corse -afferma il Comitato dei Pendolari di Roma nord- e pensare che il giorno dell’entrata in vigore del nuovo orario, il 14 settembre, Atac informò che ci sarebbero state 10 corse urbane in più”. “Se non si ripristina in fretta un orario degno, con magari meno corse ma certe in partenza e senza ritardi o soppressioni, senza punti di rottura, si rischia di avere la forza pubblica a Flaminio e Montebello tutte le sere: la rabbia del pendolare è diventata, giustamente, incontenibile”, concludono.

Atac bacchetta passeggeri, no su banchine

“Le foto che alcuni hanno rilanciato sui social network, raffiguranti passeggeri sui binari della stazione Flaminio, si riferiscono a comportamenti individuali e sanzionabili di passeggeri che, incuranti delle regole di sicurezza, non utilizzano le banchine per il regolare deflusso dai treni: questi comportamenti mettono a rischio la sicurezza non solo delle persone, ma anche dell’esercizio e non dipendono in alcun modo dalle condizioni generali del servizio”. Così Atac, in una nota, commenta i disagi riscontrati questa mattina alla stazione Flaminio della Roma-Viterbo. La municipalizzata dei trasporti sottolinea, inoltre, che “le dieci corse previste nel tratto extraurbano fino alle ore 9, sono state tutte regolarmente effettuate”. “Il servizio – continua la nota – è stato peraltro sostanzialmente regolare anche sulla tratta urbana con 40 corse effettuate sulle 46 previste”. “Atac – conclude il comunicato – ricorda che proprio per migliorare la fruibilità della linea ferroviaria si sta lavorando a un progetto per la realizzazione della stazione Flaminio che renderà più agevole la salita e la discesa dai treni. Nel frattempo l’azienda invita i passeggeri ad attenersi a quanto prescritto dai regolamenti onde garantire la regolarità del servizio, la sicurezza e anche per evitare sanzioni”.

Ansa

Lascia un commento

Name and email are required. Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.