umbria mobilità assemblea sindacalePERUGIA Uno sciopero si farà, un altro è per adesso solo minacciato. Ugl conferma il blocco di 24 ore per venerdì ad Umbria Mobilità. Treni e bus di tutta la regione a rischio blocco. Cgil, Cisl, Uil, Faisa e Orsa frattanto attendono la convocazione da parte della società. Addio fronte unitario. “Per adesso – spiega Cristiano Tardioli, segretario Cgil trasporti – tutte le date estive sono vincolate (per via delle franchigie, i servizi minimi da garantire, ndr) e dunque facciamo di necessità virtù: vediamo se l’azienda ci convoca come richiesto. Altrimenti procederemo allo sciopero, e senza indugi.
Quanto alla proposta di sciopero unitario dell’Ugl, dico solo che il tavolo non si può fare a corrente alternata”. La segreteria regionale di Ugl trasporti, per bocca del leader Roberto Perfetti, giudica all’opposto: “Il comportamento degli altri sindacati – spiega Perfetti – dopo la nostra offerta pubblica di ritirare lo sciopero per farne uno solo insieme, è scandaloso. E ambiguo. C’era la possibilità di far coincidere le date per dare maggiore voce alla protesta dei lavoratori, invece si è deciso di scegliere un’altra strada”.

Servizio integrale nel Corriere dell’Umbria del 16 luglio

Lascia un commento

Name and email are required. Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.