ariel_castro_lpAriel Castro, il ‘mostro di Cleveland’, si è impiccato in carcere. Lo riporta la stampa americana, citando il Correctional Reception Center di Orient, nell’Ohio.

L’uomo che per dieci anni ha tenuto segregate Amanda Berry, Michelle Knight e Gina De Jesus nella sua casa trasformandole in schiave del sesso, è stato trovato esanime nella sua cella verso le 21:20 di martedì ora locale (le 3:20 di oggi in Italia).

I medici del carcere hanno tentato la rianimazione, ma senza risultato: l’uomo è stato trasportato all’Ohio State University Wexner Medical Center, dove è stato dichiarato morto alle 22:52.    

Il portavoce del dipartimento di Riabilitazione e correzione dell’Ohio ha confermato che Castro è deceduto per “apparente suicidio”.  

L’uomo, un ex autista di scuolabus di Cleveland di 53 anni, era stato condannato ad inizio agosto adoltre 1.000 anni di prigione per rapimento, stupro e sequestro di persona. Aveva scontato solo un mese di carcere ed era detenuto in un‘unità di isolamento per la sua stessa incolumità.

art su blitz

Lascia un commento

Name and email are required. Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.