Virginia SpallarossaContinua il progetto “Vale tudo – Intervista a…” di Déjà Donné.
Dopo i primi tre incontri con l’artista berlinese Felix Ruckert, la coreografa e insegnante italo-americana Daniela Malusardi e con il danzatore e coreografo spagnolo Jordi Casanovas, è la volta della danzatrice, coreografa e performer Virginia Spallarossa, direttrice artistica del festival di danza contemporanea Pillole.

L’idea di Vale tudo è quella di un incontro informale tra l’artista e Simone Sandroni, basato sullo schema iniziale di una normale intervista che poi diventa imprevedibile nel contenuto e nella forma, oltre che nel coinvolgimento del pubblico.
L’artista vivrà momenti in cui non potrà più solamente raccontare ma dovrà alzarsi per rievocare anche con il corpo, danzando, improvvisando, recitando e forse chiedendo assistenza fisica all’ ”intervistatore”. Fino ad arrivare al Vale tudo (tipo di incontro brasiliano di combattimento a mani nude e a contatto pieno senza regole) per cinque minuti, il pubblico potrà fare qualsiasi domanda, senza filtri e senza censura, con una sola regola per l’”intervistato”: l’obbligo di rispondere a qualsiasi domanda, anche attraverso il movimento.

Virginia Spallarossa
Danzatrice e coreografa. Si forma professionalmente presso il Teatro alla Scala di Milano e l’Académie Princesse Graçe di Montecarlo; sposa la danza contemporanea studiando con i principali maestri di Release technique. Dal 2007 è danzatrice ed assistente della compagnia internazionale Déjà Donné di Simone Sandroni e Lenka Flory per la quale lavora in Margine Buio, Windows, SoloCinque e A Glimpse of Hope. E’ assistente alla coreografia e alla regia in “People to sing with dancing on a bridge” al Sommer Szene di Salisburgo e in “Korrispondanz Karte” al Duncan Centre Conservatory di Praga. Ha danzato nell’Olympic Contemporary Ballet in “The Miths” cor. di Gillian Whittingam e in “Medusa” cor. di Wayne Mc Gregor (Random Company). In qualità di danzatrice ha preso parte a diverse stagioni al Teatro alla Scala, Teatro Lirico di Cagliari, Arena di Verona, Carlo Felice di Genova, Opera di Bilbao, Opera di Roma, Comunale di Firenze, Bunkakhan a Tokio, Bayerische Staatsoper di Monaco con le coreografie di Ron Howell, Sean Walsh e Mark Baldwin (Rambert Company). Nel 2006 ha collaborato al progetto Dance Greenhouse con Tanzelarija, ente promotore della danza contemporanea in Bosnia con sede a Sarajevo proponendo una serie di laboratori di danza, di gioco e di musica rivolto ai bambini degli orfanotrofi e delle scuole più svantaggiate della città. E’ membro fondatore di Movimentale, un collettivo indipendente francese che crea VideoInstallazioni curate dal cineasta Gilles Toutevoix. Danza e collabora per la Compagnia Monica Secco a Torino e SpazioDanza a Cagliari. Crea Stirata con la piega, An ear x a leg, Mostarda e i recenti Ouf, Apollo Living Room e 2:2=1.
Tiene abitualmente corsi e seminari in tutta Italia; presso l’Università Cattolica di Milano le è stato affidato l’insegnamento di danza contemporanea e teatro fisico nel Master in “Azioni e interazioni pedagogiche attraverso la narrazione e l’educazione alla teatralità” per la facoltà di Scienze della Formazione.

Il progetto “Vale tudo – Intervista a…” si snoderà lungo il corso di tutto il 2013 offrendo l’opportunità, al pubblico di Perugia e della Regione Umbria, di confrontarsi con alcuni nomi significativi della danza contemporanea internazionale e nazionale che sono entrati in contatto, nel corso degli anni, con la compagnia Déjà Donné per la creazione degli spettacoli o per la condivisione del pensiero sulla danza.
L’obiettivo è quello di far conoscere un determinato modo di concepire la danza contemporanea attraverso stili e storie diversi tra loro.
“Vale tudo – Intervista a…” sarà costituito da incontri diversi distribuiti lungo il corso dell’anno a Perugia, nella Sala Cutu, ed in replica nei giorni seguenti al Teatro Duncan Centre di Praga.
Gli artisti protagonisti del progetto: Felix Ruckert, Daniela Malusardi, Jordi Casanovas, Virginia Spallarossa, Nordine Benchorf e Maja Delak.

Il biglietto d’ingresso dà diritto ad una riduzione sul costo dell’aperitivo e cena presso il wine bar e ristorante ènonè, Corso Cavour 61, Perugia.

Info e prenotazioni:
Costo del biglietto: intero 10 euro/ ridotto 8 euro (sotto i 26 e sopra i 60 anni)
Teatro Stabile dell’Umbria: dal lunedì al venerdì 16,00 – 19,00
Biglietteria Regionale – Tel: 075/57542222
DEJA DONNE: dejadonne@dejadonne.com – Dal lunedì al venerdì Tel: 075/3725458 – cell. 349/2182180. Il 3 maggio dalle 18,00 alle 20,00 presso la Sala Cutu

Lascia un commento

Name and email are required. Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.