madre_bambino_morto_casaIl corpo ormai decomposto di un bambino di quattro anni, ancora nella sua culla. È stato trovato così, due anni fa, il piccolo Hamzah Khan nella casa in cui viveva con la madre Amanda Hutton a Bradford, in Inghilterra.

Adesso Amanda deve rispondere in tribunale dell’accusa di omicidio colposo, per aver lasciato morire il suo bambino, malnutrito e non adeguatamente accudito. Lo ha tenuto in casa, in camera da letto, fino a quando non è stato ritrovato due anni dopo la morte. Con il cadavere è stata scoperto il degrado in cui Amanda viveva e cui costringeva il piccolo Hamza: disordine e sporcizia ovunque.

La donna, di 43 anni, pare abusasse anche di alcol e cannabis. Ma il risvolto forse più inquietante della storia, e che soleva non pochi quesiti nell’opinione pubblica britannica molto colpita dalla vicenda, è il fatto che Amanda ha continuato per due anni a percepire i sussidi statali previsti per il bambino anche dopo la sua morte.

art su ilmattino

Lascia un commento

Name and email are required. Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.