tir-2TERNI L’associazione Wwf Umbria e Italia nostra richiamano l’attenzione del sindaco che si faccia ascoltare nelle sedi opportune e dall’Anas sulle problematiche che assediano la nostra città. Italia Nostra e Wwf sono pronti ad appoggiare in ogni sede le legittime rivendicazioni di Terni e in un comunicato dicono “com’è possibile che Terni sia l’unica città dell’Umbria dove le torri di illuminazione degli svincoli della superstrada sono spente?E’ trascorso quasi un lustro da quando l’impianto elettrico è saltato: un pessimo biglietto da visita per chi giunge nella Conca, senza dimenticare i pericoli per la sicurezza stradale.  E cosa intende fare Anas sulla bretella tra Terni Est e il piazzale merci AST, lasciata inspiegabilmente ineseguita? Eppure quest’opera sarebbe tecnicamente semplice e poco costosa. Si eviterebbe così il quotidiano caos di Via Vulcano-Via Tre Venezie, i cui residenti, dopo decenni, tornerebbero a una qualità della vita finalmente decente. Intanto l’asse viario Via Bramante-Ponte d’Oro sta letteralmente esplodendo. Un collegamento che serviva a collegare in modo rapido e sicuro i quartieri settentrionali della città si sta trasformando in un’impossibile camionabile, con rischi elevati per tutti i fruitori –a iniziare da pedoni e ciclisti- col prevedibile accelerato logoramento delle relative infrastrutture viarie e con alti livelli di inquinamento ambientale. Prima che sia troppo tardi, prima che ci scappi il morto, una sera di qualche settimana fa un camion perse pesantissime bramme, cadute sulla pista ciclabile di Via Bramante a quell’ora deserta, chiediamo dunque al sindaco di intervenire subito, imponendo ai Tir l’attraversamento esterno della città via superstrada e, per il resto, inchiodando l’ANAS alle sue responsabilità”.

TerniMagazine

Lascia un commento

Name and email are required. Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.