incendioE’ tuttora ricoverato in prognosi riservata nel reparto di rianimazione dell’ospedale di Pisa, il vigile urbano trantasettenne, R.P. originario di Città di Castello ma residente a tempo a Cesena, precipitato con il suo ultraleggero mentre sorvolava il valico della Scheggia, non molto distante da Anghiari.

Ricoverato in gravi condizioni Le sue condizioni sono ritenute piuttosto gravi ma stabili. Ha ustioni nel 50% del corpo e fratture alle gambe.

Lo schianto Erano passate da pochi minuti le 19 di domenica, quando l’ultraleggero è stato notato,da alcuni residenti dell’Anghiarese, volare a una quota insolitamente bassa per poi scendere sempre più fino a imboccare la gola di Sezzano. Per cause ancora in corso di accertamento, il mezzo si sarebbe improvvisamente incendiato. Stando ai primi riscontri, le fiamme si sarebbero sviluppate a bordo, costringendo il giovane pilota a gettarsi con il paracadute, non avendo più nemmeno il tempo di cercare una zona per un atterraggio urgente. Al pilota sarebbe mancata l’altezza sufficiente per atterrare in un campo di grano. L’uomo si sarebbe così lanciato quando il piccolo aereo era ancora in volo, ma con il suo corpo già raggiunto dalle fiamme.

I testimoni Terribile il racconto di chi ha assistito alla scena: una torcia umana che si getta nel vuoto. Il velivolo si è schiantato a terra disintegrandosi. Il vigile è stato soccorso da una famiglia di Sezzano che ha allertato i soccorsi.
Date le sue gravi condizioni, è stato trasferito col Pegaso al centro grandi ustionati di Pisa e trasferito in rianimazione.

Corriere dell’ Umbria

Lascia un commento

Name and email are required. Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.